Basilica Arch. Andrea Palladio
(1508-1580)
a Vicenza

Ph D. Rigon

Palazzo di influenza veneziana
a Vicenza
Corso Palladio

Ph D. Rigon

Simbolo della Serenissima
(Leone San Marco)
a Vicenza e Rua

Ph D. Rigon

L’azienda con sede a Sandrigo, nel cuore del distretto di Vicenza, ha adottato come mission il concetto di moda, cultura e design nella creazione di un marchio che riflette l'eccellenza della gioielleria vicentina in oro, diamanti e gemme preziose. La fondatrice, dott.ssa Maria Loretta De Toni, è nota da anni nel settore per il suo costante impegno come stilista nel creare gioielli con “un’anima” ispirati alle differenti culture del mondo e con elementi decorativi che riflettono un profondo legame con l’arte e la natura. Il sogno di Maria De Toni è di diffondere gioielli per la Pace senza frontiere. Realizzati sulla scia della consolidata tradizione orafa italiana, i suoi gioielli in oro 18kt, traggono ispirazione dalle culture artigianali e artistiche di diversi paesi e tradizioni e sono caratterizzati da lavorazioni con finiture esclusive a mano e arricchiti da pietre semipreziose. La missione aziendale di Maria De Toni ha trovato concreta applicazione in concorsi internazionali di design sulla cultura orafa, nella creazione del “Gioiello per la Pace” per l’UNESCO nel 2000, nel libro e nella mostra del 2004 "Le Vie dell'Oro - Vicenza, Venezia La Serenissima e l'Oriente (1404-2004)"® e nel gioiello “Palladio e l’Oriente” del 2008. Maria Loretta De Toni è la portavoce di una “Economia Integrata per il Rilancio del Made in Italy®” grazie alla realizzazione della guida alla mostra “Il Lusso con l’Occhio dell’Oriente (1000-2000)”®, e con conferenze sul rilancio del Made In Italy di Identità orafa nel mondo a Roma, Palermo e a Dubai nel 2011 e con la mostra nel 2016 con Fiera di Vicenza. Maria De Toni promuove un nuovo Rinascimento tra Oriente e Occidente con la diffusione internazionale delle proprie collezioni di gioielli in oro di design contemporaneo ad alto valore stilistico, arricchite da nuove linee glamour grazie alla recente acquisizione del marchio storico Auritalia.